Mountainbike

Pedalare immersi in un bosco, salire fino in alta montagna per godersi il panorama, passando tra gli ulivi o attraversando borghi, tutto ciò è possibile in Umbria.
Da poco tempo nella regione, è possibile percorrere la ex ferrovia che univa Spoleto a Norcia, che incontra il giusto connubio tra storia e paesaggio, natura e cultura, religiosità e ingegnosità, perché lungo il tragitto si possono incontrare i rifugi dei primi eremiti cristiani, ed è anche la valle dove la regola di San Benedetto ha incontrato San Francesco. Partendo da Norcia dopo poco si incontrano le Marcite (un sistema di prati palustri permanenti che i benedettini misero a punto alla fine del XII sec.). Se si ha modo, presso Triponzo, dove il Nera acquisisce le acque del Corno, ben due gallerie e un viadotto portano il nome che dà il segno al luogo, Balza Tagliata. Tra due muri di calcare, alti circa 700m, si nota una mulattiera stretta e a picco sul fiume che per secoli, dall’età preromana era l’unico passaggio tra queste due valli. Il tratto di una trentina di km dalla stazione di Scheggino-Sant’Anatolia di Narco e Spoleto, permette di ammirare le opere di ingegneria degli svizzeri Erwin Thomas e Paolo Bestler. In un punto della ferrovia a Castel San Felice, sorge la prima abbazia benedettina.
Altri percorsi prevedono una visita del borgo di Bevagna, dove a qualche pedalata si uniscono curiosità artistiche e approfondimenti storici. Abbandonato il centro città, si scoprono spazi e percorsi che attraversano la campagna tra le colline che si innalzano sopra Bevagna e Bettona e le salite più ardue del Monte Subasio. Un itinerario si snoda in mezzo alla tranquilla campagna di Trevi e percorre una facile e pianeggiante pista ciclabile lungo il fiume che arriva fino a Foligno. Per gli amanti del vino, si possono attraversare le vigne di Collemancio e Castelbuono, ed in seguito ad una degustazione e ad una visita alla creazione di Arnaldo Pomodoro, ci si può prendere del tempo per visitare i borghi sopra citati. Un ultimo itinerario, percorre in bici la Via degli Ulivi che unisce Spello ad Assisi, sulle orme di San Francesco. Tappa obbligata è ad Assisi, nei luoghi cari a Chiara e Francesco; mentre a Spello per visitare il centro storico e ammirare gli affreschi del Perugino. Per chi ancora non fosse soddisfatto, si può salire in cima al Monte Subasio. Se si vuole passare per i luoghi della battaglia di Annibale, ci si dirige verso il Lago Trasimeno e da lì pedalare attraversando Tuoro, Castiglione e Passignano sul Trasimeno.